Versus Zhukov

La risposta al blog del Generale Zhukov Questo sito aderisce al

Wednesday, November 02, 2005

Rollandiniano ora, quando unionista?

mercoledì, novembre 02, 2005
Digitale o satellitare, c'è un Daclon rossonero e filo-Union nel futuro televisivo dei valdostani?


Mi scuso del ritardo, ma devo una risposta al lettore Sherinina. A.
Senonché l'argomento da lui proposto, riguardante la prossima esperienza del digitale televisivo valdostano, è tema di importanza talmente capitale da meritare non una risposta privata, ma un intero blog.
Guardi, caro Sherinina. A., se io avessi il povero Timoshenko libero da impegni, lo manderei a marcare le mosse di Corrado Maria Daclon.
Attenzione, guardi però che non si tratta di un Carneade da sottovalutare con sufficienza: "Daclon, chi era costui?"
La Stampa dello scorso 23 Luglio, a pagina 35, si era occupata di questo pirotecnico personaggio, titolare della Scilla International di Villeneuve, "società che opera nel settore televisivo e della comunicazione editoriale".
Che cazzo vuol dire "operare in televisione"?
Allevare ballerine di coscialunga? Produrre cortometraggi? Frizionare di rosso i capelli di Biscardi?
Cos è la "comunicazione editoriale"? Tutto e niente: se le parole hanno un senso, tutto quello che si scrive, compresi i graffiti murali di "viva la patonza"!
Attenzione ai trucchi: quando si usano definizioni di frittomisto generico come questa, probabilmente vuol dire che la Scilla è solo una stanza sempre chiusa, con un fax e un vecchio computer, nata ieri su sollecitazione sapiente di qualche amico.
Una società che si occupa di televisione e risiede a Villeneuve? E cosa c’è a Villeneuve? Qualche teatro di posa? Il New actor's Studio? Cinecittà ed Arcore sono vicini? Hollywood è dietro l'angolo?
No, l'arcano è semplice: forse qualche legge nazionale richiedeva, per assegnare soldi ed incarichi, la residenza in Valle.
Così, detto e fatto, ecco nascere la Scilla, naturalmente "International", la cui sede legale è a Villeneuve!
Però la Stampa è un giornale serio, e spiega altro: "l'incarico di esplorare la possibilità della messa in onda di un canale televisivo tematico sulla montagna è stato conferito alla Scilla dall'Istituto Nazionale della Montagna, ente di ricerca della Presidenza del Consiglio dei Ministri."
Corrado Maria Daclon, professore universitario romano, presunto Verde ma in realtà agente all'Avana di Rollandin e Caveri (e dunque adesso dilaniato da problemi di identità: con chi allinearsi?) ha dichiarato: "studieremo le potenzialità di una rete televisiva interamente dedicata alla montagna, sia nell’opzione satellitare che in quella del digitale terrestre".
Temi del palinsesto? L'agricoltura e uno spazio curato dal gruppo parlamentare "amici della montagna", che guarda caso vede attivissimi sia Rollandin che Caveri. Si tratta di un'azione di lobbismo messa intelligentemente in piedi dai valdostani verso il Parlamento Italiano, da cui farsi assegnare fondi e soldi. La favola, spudorata e geniale della "montagne défavorisée" è nata in questa lobby.
Poi Rollandin non ha gradito che il gruppo Caveri-Viérin si sia impadronito della Vallée notizie, e pur essendo padrone della sede Rai, i cui giornalisti hanno abbandonato in massa Caveri (ma sono sempre in tempo a tornare indietro... Chi dice che non sono liberi? Possono sempre ritornare da Rollandin a Caveri! Ecco il vero pluralismo!), cerca nuove prospettive di forte ed egemonica presenza mediatica.
Guardi, lo dico con sincera ammirazione: il personaggio Rollandin è dotato di una lungimiranza che ridicolizza amici (non ne ha nemmeno uno!) ed avversari.
Lei conosce qualche partito valdostano che abbia una strategia mediatica? No?
Che dice in proposito la Stella Alpina? E la Gauche Valdotaine? E il Centrodestra valdostano, che pure è padrone della Rai da 5 anni?
Hanno per caso raddrizzato un poco il monopolio televisivo della Balena Rossonera? No? Ma allora sono proprio dei bischeri blindati...
Dunque è la solita menata: Rollandin corre con la Ferrari, che gli è stata regalata solo dalla sua intelligenza, gli altri coglioni arrancano col monopattino del loro analfabetismo mediatico.
E' come vedere Tyson contro un peso piuma: non c'é match!
Però l'argomento mi sfruculia, ci torneremo. Lei intanto vedrà che tra un po' Corrado Maria Daclon si paleserà in tutto il suo fulgore, satellitare o digitale...
Dasvidanja.

posted by Gen. Zhukov at 13:55
1 Comments:

*

E' gia' diventato rollandiniano, fra un paio d'anni sara' unionista, si fidi.
La aspettiamo, sara' un elemento prezioso, ovviamente ora evitiamo di bruciarla, sapendo che diventera' unionista.
Sarebbe stupido farlo.

By uahlim, at 02 novembre, 2005 22:47

0 Comments:

Post a Comment

<< Home