Versus Zhukov

La risposta al blog del Generale Zhukov Questo sito aderisce al

Tuesday, October 11, 2005

Scorretto a prescindere

#

Caro cosacco, ex cosacco, Piero e combattente,

Cerchiamo di capirci: la guerra è sangue e merda, dunque non mi scandalizzo se qualche schizzo ogni tanto sfiora il mio tank . Non mi piace, lo ammetto, ma non sono io che lo diffondo.
Nei limiti del possibile cerco di circoscriverne l’uso e la diffusione, non sempre in maniera assoluta ed efficace, non essendo munito dei poteri di Mandrake.
Vi ringrazio dei vostri appelli al mio senso dell’onore, che evidentemente riconoscete come mio valore primario………..ma anche in questo campo non voglio esagerare.
Io non sono la balia del signor Camilli, come suggerisce quell’idiota di Cottolengo ( subito attratto per affinità elettiva dall’odore di merda nel ventilatore!), secondo cui dovrei avvertirlo, e magari cambiargli il pampers.
Non credo assolutamente, in maniera presuntuosa, che la lettura del T34 sia obbligatoria. Ho altri difetti, non quello della boria.
Credo però che, in un posto di portinaie pettegole come la Vallèe, subito qualcuno
( molto probabilmente lo stesso anonimo accusatore, il Monnezza che scrive in corsivo ....) possa avere avvertito l’interessato delle infamanti rivelazioni nei suoi confronti.
E' un metodo siciliano:la prima corona a casa della vittima la manda l'assassino, che poi aizza i parenti del morto ammazzato contro un terzo responsabile, che non c'entra niente.
Però.....
Per la precisione, colui che non lo amava si riferiva ad un reato sanzionato con sentenza di Tribunale, e quindi verificabile.
Dunque mi aspettavo una facile reazione da parte del signor Camilli… che invece finora non c’è stata.
Questo però non vuol dire niente: è vero, mica uno deve smentire ogni baggianata che gli attribuiscono.
Potrebbe trattarsi di signorile distacco di fronte ad un’infame calunnia, talmente enorme da disinnescarsi da sè. O di sovrano disinteresse verso questo blog, la cui frequentazione non è certo obbligatoria, tranne purtroppo per quel deficiente amatore di bambole gonfiabili che ci tritura i coglioni…..
Ma perché voi, miei feroci, non svolgete autonomamente qualche controllino?
Io con Timoshenko lo stò facendo. Per mia edificazione personale.
Resta il fatto, preoccupante, che grazie alla vostra troppo impaziente nobiltà d’animo, anziché parlare della qualità dell’informazione fornita da un sito valdostano, si è finiti a discettare delle presunte disavventure penali di un tizio, che giornalista ancora non è.
Ma che, se vorrà diventarlo, dovrà necessariamente presentare il certificato penale per essere iscritto all’Ordine.
Dunque ho l’impressione che, se qualcuno ha voluto attizzare una miccia, questa sia a combustione lenta , lentissima.
Chi tutela l’esercizio della professione giornalistica? Quali regole ne delimitano l’accesso? La si può svolgere senza iscrizione all’Ordine? Chi sono gli abusivi? Cosa rischiano? Questa mi sembra la questione preminente.
Allora ancora un attimo di pazienza, come quella infinita che sta dimostrando il signor Camilli: le trappole del Monnezza non durano mai più di tre giorni.

By Gen. Zhukov, at 11 ottobre, 2005 19:31
#

perchè generale tanti bravi giornalisti in un posto come l'espace?come mettere il pensiero a disagio...!se la libertà di stampa sarà soppressa,non ha importanza:tanto quelli di sinistra non leggono!comunque bravo!

By Anonymous, at 11 ottobre, 2005 21:25
#

Intanto anche chi attribuisce la paternita' della delazione e/o diffamazione secondo i si dice si mormora sparge merda e si comporta da delatore diffamatore.
Non se n'era accorto generale?
No eh? Prevedibile, merdaiolo prevedibile.
Ospita messaggi che parlano di terzi senza sapere se sono diffamazioni oppure no, resta in attesa di una smentita da parte dell'interessato e non lo avvisa? Troppo giusto, troppo corretto il suo comportamento, quello di un signore il suo.
Come sempre. E come quello dei suoi frequentatori che lei ha sempre incoraggiato. Chapeau. Ah, poi la guerra e' solo lei a farla.

By uahlim, at 11 ottobre, 2005 22:12
#

gentilissimo anonimo, fammi spezzare una lancia, anzi, anzi tre nei confronti dell'ESPACE. dalla tua domanda capisco che l'Espace populaire non ti va a genio.....ma sicuramente tu fai parte di quei personaggini sempre pronti a criticare qualsiasi cosa. Nella nostra piccola regione appena nasce qualche cosa c'è sempre pronto qualcuno a criticare. Forse sarebbe meglio fare le serate con ottimi giornalisti nel palazzo regionale o nella biblioteca regionale......forse che se l'espace si fosse chiamato Espace populaire Régional andrebbe meglio. io trovo questo Spazio popolare molto bello e molto culturale. in pochi mesi di esistenza ha già tirato fuori delle iniziative degne di un capoluogo molto + grande di Aosta.... E poi, quelli di sinistra non leggono? cosa non leggono? le cazzate dette dall'altra parte? Mah!

0 Comments:

Post a Comment

<< Home