Versus Zhukov

La risposta al blog del Generale Zhukov Questo sito aderisce al

Wednesday, June 15, 2005

Io, merda che son io!!!

Gen. Zhukov
Gen. Zhukov said...

Cari amici tutti,

Grazie per la vostra presenza , ma diamoci una piccola calmata. Il vostro entusiasmo mi commuove, ma il mio vecchio T34 non è in grado di soddisfare ogni vostra richiesta: è un carro vecchio, ancora in grado di qualche buona cannonata, ma insomma vetusto.
Non riesco a fare contemporaneamente la storia del Pci valdostano clandestino, quella di Berlinguer ( ho pianto tre giorni di fila!), quella di Stevenin, quella dei media valdostani. Ci vorrebbe almeno una Divisione della Guardia, e io sono solo un vecchio generale. Vi chiedo solo un po’ di pazienza, arriverò a tutto.
Questioni sicurezza: vi prego di ascoltare gli ammonimenti di Timoshenko. Io intanto vi assicuro che vigilerò per evitare di trovarmi in casa la merda per conto terzi, soprattutto quella volante che entra dalle finestre con la scusa del dibattito e della democrazia.
Voi però date una mano.
Nessuno di noi in questa sede è tenuto a seguire le regole deontologiche del giornalismo, perché questo non è un giornale, ma un club di libera discussione.
Pure cerchiamo di non dare scuse per casini, o di fornire pretesti in modo che dei figli di puttana, noti e conclamati, facciano la figura dei poveri martiri.
Può darsi che il successo dell’iniziativa (riconosciuto persino da Augusto R!) ci regali un codazzo di provocatori professionisti. Non bisogna né impressionarsi né sottovalutare: sono gentuccia, ma sempre gentaglia.
Calma, gesso e Armata Rossa.

Per il compagno J and B

Non capisco perché ti senti chiamato in causa, quando sai benissimo chi indico col termine “mezzeseghe Ds”.
Che c’entri tu? Cosa c’entrano i soldatini rossi? Certo , alle volte il loro irrimediabile buonismo mi fa diventare cattivo. Da 20 anni hanno il tradimento dei loro generali sotto gli occhi, pure qualcuno ancora dubita. Sono necessarie ancora prove supplementari? Quante?

12:20 AM
Gen. Lee
Gen. Lee said...

Anche in Alabama un tempo la gente era libera. La gente, non certa merda nera che con la scusa della democrazia pretendeva di poter partecipare e poi e' passata ingiustamente alla storia per essere martire.
Sa, parafrasando Forrest Gump, merda lo e' chi lo stronzo lo fa.
Saluti a VOS-ATRE non privi di NOS e grazie per averci mostrato la Valle d'Aosta che vorreste, e' stato mooolto istruttivo ma purtroppo alquanto deludente. Niente di nuovo sotto il sole, ahime', cambierebbero i suonatori ma la musica sarebbe sempre la stessa!!!

12:33 AM

0 Comments:

Post a Comment

<< Home