Versus Zhukov

La risposta al blog del Generale Zhukov Questo sito aderisce al

Friday, June 24, 2005

Grossa crisi in casa Zhukov

Questo post e' poco eristico, mostra solo la contraddizione di Zhukov che non si rende conto di aver sempre pianto della sorte dei poveri valdostani ed ironizza quando altri lo fanno...

Ironizzando sulla denuncia degli effetti della propaganda micronazionalista sui valdostani Zhukov ha mostrato i suoi veri sentimenti antivaldostani tout-court.
Che significa questo? Che alla base c'e' proprio l'odio verso la comunita' valdostana, che scopo della sua azione non e' quindi portare benessere e democrazia ai valdostani ma fare in modo che stiano peggio, che stiano male come gli altri italiani.
E che quindi tutte le sue preoccupazioni verso i valdostani sono false, in fondo anzi ci dovrebbe godere chje le cose vanno male come vanno e lui ci godrebbe se l'union non fosse composta da valdostani e se l'union non distribuisse tutto il benessere che distribuisce.
Ma vediamo l'evoluzione della situazione...

Bresci racconta della faccenda dello spiazzamento ideologico e Zhukov mostra che in fondo della sorte dei valdostani non gliene frega niente, che li odia, accusa un frequentatore di un blog che parla di cose che non vanno in Valle d'Aosta di lamentarsi della sorte dei poveri valdostani.

Come lo fa, ironizzando sul fatto che ci si lamn eti della sorte dei poveri valdostani, e non rendendosi conto che lui se in buona fede non ha fatto altro che questo da quando ha aperto il blog.





Bresci da Brescia said...

Saranno fortunati i baschi non piu' baschi a dover imparare a forza una lingua difficile che non e' piu' loro e che non serva a nulla ed a sentirsi dire che la loro vera lingua e' la lingua di sporchi colonizzatori e che non va piu' usata se non vogliono tradire le loro origini. Mi creda, la violenza psicologica sempre violenza e', lo e' la colonizzazione culturale come pure la sua decolonizzazione. E non esiste solo il denaro a questo mondo, perche' crede che abbiamo un si' alto tasso di suicidi? Anche perche' c'e' chi gioca con il senso di identita' altrui e si diverte ad alimentare la non accettazione di se' e frustrazioni mai sopite avvelenando la vita dei fessi che ci credono veramente a certe cazzate.
Non tutti hanno la fortuna di essere anarchici o solo liberi, ma chi ha questa fortuna deve anche guardare in faccia la realta' di questi ultimi della terra e dire loro in faccia come stanno le cose, che tutti assomigliano piu' ai loro tempi che ai loro padri, loro come prima i loro padri e prima ancora i padri dei loro padri.
Ma lo sa che c'e' chi e' convinto che l'espressione "valdostano di origine" abbia un qualche valore semantico?
Lo giuro! Lo so, e' incredibile eppure e' cosi'!!!

23 giugno, 2005 22:46
Anonymous said...

Caro Bresci da Brescia, se vuoi essere compreso fai uno sforzo per essere più chiaro. Assomigli, nello scivere ad un logorroico inconcludente già messo,giustamente, alla porta dal Generale. Credo che il trucco di cambiare il nome non sia servito a nulla. Torna fra quelli come te, li avrai seguito....

24 giugno, 2005 12:31
Bresci da Brescia said...

Caro anonimo di nome e di fatto...
ma si rende conto che solo ipotizzare che il gen. Lee continui a scrivere sotto mentite spoglie significa screditare completamente l'analisi lucida che fece a suo tempo del fenomeno Lee il generale Zhukov?. Il gen. Lee e' e rimane solo un povero mentecatto esibizionista, Lei riesce ad immaginare un esibizionista intervenire nell'anonimato? Quindi bando alle bestemmie e torniamo a noi.
La conclusione di un intervento inconcludente per chi ha cuore solo la pancia come gli amici montagnards e non il plagio delle coscienze e' questa: se a qualcuno hanno spaccato la minchia per decenni, per decenni ad altri hanno plagiato le coscienze.
O lei e' di quelli che pensa che l'unico torto del fascismo e dei fascisti sia stato quello di perdere la guerra ed affamare il popolo? Se fosse come lei dice il filosofo Gentile sarebbe stato ucciso ingiustamente. Peccato che Gentile non uccise direttamente nessuno ma plagio' le coscienze con le sue tremende cazzate intellettualoidi e teorie del casso, uccidendo non solo tanti antifascisti ma pure tanti fascisti, tanti ragazzi di Salo' vittime della sua propaganda.

24 giugno, 2005 17:01
Gen. Zhukov
Gen. Zhukov said...

Caro Bresci,

Mah, vedo che lei è molto facondo, di produzione abbondante ed incontinente. Se volessimo cercare analogie con il Cottolengo sudista che tritura le palle a tutti i partecipanti alla discussione del T34, questo sarebbe un elemento di analogia.
Ogni tanto cambia lo stile? Può dipendere dalla copertura farmacologia. Che i servizi sociali si siano svegliati? Che finalmente le abbiano fatto scoprire il litio?
Il tema della sua riflessione invece è sempre autistico ed ossessivo (les pauvres valdotains!), oppure non congruente col tema in discussione.
Sa una cosa caro Bresci? Come succede a tutti i gruppi anarchici, in cui su 10 iscritti almeno 5 sono della Digos e due dei caramba, lei mi sembra sospetto.
Che sulla sua vera identità abbia ragione l’intuitivo anonimo?
Allora per evitare che lei giochi al dottor Jekill e mister Hyde ( ma si chiama anche sindrome dissociativa della personalità, vulgo paranoia…) facciamo così: vediamo se sta in astinenza comunicativa almeno una settimana..
Vedrà che il piccolo mondo intorno al tank riuscirà a sopportare la mancanza dei suoi messaggi.
Buon litio.

24 giugno, 2005 23:50
Roberto Mancini said...

Generale, era ora che gliene dicesse 4 a quello la'.
E ricordiamolo il tema del blog, perdio!!!
Che e' fare finta di non essere valdostani per parlar male dei valdostani.
Chessenno' la gente non sa e poi succedono questi fatti incresciosi!!!

25 giugno, 2005 01:14
Ex caporale Antonov said...

Enno' caro Mancini, il Generale rispondendo a Bresci ha rivelato chiaramente i suoi sentimenti antivaldostani e lei ha fatto di peggio togliendo ogni dubbio.
Ed ora chi ci dara' piu' retta se chiaramente stiamo dicendo che il nostro scopo e' proprio togliere tutti i privilegi ai valdostani e come faremo ad attuare i nostri progetti senza il loro voto?
Se ironizziamo sulla sorte dei valdostani, sull'assenza di democrazia perche' in fondo a noi dei valdostani non ce ne puo' fregare una cippa e siamo solo contenti della crisi extraparlamentare che ci da' modo per sfottere ancora una volta i valdostani, nessuno escluso?
Al punto da dire che parlare di cose valdostane qua e' un'ossessione quando in fondo tutti lamentandosi della politica regionale stanno proprio denunciando come stanno male i poveri valdostani...pio pio pio... a partire dallo stesso Generale...
Ma il nostro odio contro i poveri valdostani come lo soddisfiamo? Facendo in modo che i valdostani perdano l'autonomia? Che non abbiano mai la democrazia? (Ma allora va tanto bene l'union, vi pare?), od entrambe le cose?
Insomma, la battaglia antivaldostana la vedo ormai persa... a meno che non vinca l'union,,, ma non va bene perche' noi odiamo tutti i valdostani e quindi anche gli unionisti.
Riuscire a sostituirsi all'union e poi usare gli stessi metodi contro i valdostani, ecco quello che bisognerebbe fare!!!
Ma ormai avendo svelato il nostro odio ci siamo rovinati la piazza, non siamo piu' credibili.
Avete rotto il giochino!!!
E con le vostre mani!!!
Addio.

25 giugno, 2005 01:59

0 Comments:

Post a Comment

<< Home